Come stimolare il processo di auto guarigione della prostata e ritornare pienamente in salute

In questo articolo parleremo di come può essere stimolato il processo di auto guarigione della prostata, focalizzando l’attenzione su un aspetto fondamentale del Metodo ProstaGreen 21, ovvero sul corretto regime alimentare.

Se hai letto altri miei articoli avrai intuito che senza un cambiamento radicale dell’alimentazione è molto difficile riuscire a riequilibrare il normale funzionamento del nostro organismo e degli organi che lo compongono.

Qual è il giusto regime alimentare?

Un articolo pubblicato alcuni mesi fa su “Le Scienze” trattava di uno studio sul collegamento esistente fra il microbiota intestinale ed il regime alimentare di una tribù di cacciatori e raccoglitori della Tanzania (gli Hadza).

hadzaE’ stato scoperto che la composizione della flora batterica intestinale degli Hadza è molto diversa dalla nostra.

La nostra dieta è infatti basata prevalentemente sul consumo di cibi provenienti dall’agricoltura come il grano, i cereali ed i legumi.

Il microbiota degli Hadza è invece piuttosto simile a quello delle primitive tribù del neolitico.

Sappiamo infatti che esse si nutrivano principalmente di carne di selvaggina, radici e frutta.

Lo studio ha inoltre evidenziato che il tasso di malattie croniche o degenerative presente in questa popolazione è molto vicino allo zero.

Ma quindi qual è la vera causa dell’incremento di certe malattie nell’uomo civilizzato?

La comparsa delle prime malattie croniche

Il dato storico da registrare è che dopo il passaggio all’agricoltura avvenuto con le prime civiltà (Mesopotamia, Egitto, etc.) si verificò la comparsa delle prime malattie croniche.

Studi recenti fanno appunto pensare che esista uno strettissimo collegamento fra il consumo di cereali e legumi e lo sviluppo di queste patologie.

La conferma verrebbe proprio da certe osservazioni effettuate sulle tribù che seguono tuttora una dieta “neolitica”.

Com’è cambiata la nostra alimentazione

L’alimentazione dell’uomo moderno purtroppo è spesso ricca di cibi spazzatura, bevande gasate e zuccherate, farine raffinate, grassi idrogenati e molti altri alimenti poco naturali per la nostra specie.

Secondo ultime scoperte scientifiche ancora poco divulgate, molte malattie potrebbero tranquillamente essere evitate o curate mangiando in maniera più naturale.

Ma allora abbiamo davvero bisogno di tutti questi farmaci per curarci?

La mia risposta basata sull’esperienza diretta è che la prostatite cronica e l’ipertrofia prostatica possono regredire spontaneamente in poco tempo fino alla completa scomparsa dei sintomi nel momento in cui si decide di cambiare alimentazione.

Non solo gli uomini si ammalano di malattie croniche

Da alcune ricerche è stato osservato che gli elefanti degli zoo vivono molto meno a lungo rispetto a quelli presenti allo stato selvatico.

I primi inoltre si ammalano di patologie degenerative che quelli in natura nemmeno conoscono.

Il dato interessante è che il regime alimentare degli elefanti in cattività è molto diverso rispetto a quello seguito in natura.

Questo ci indica che l’alimentazione non incide soltanto sullo stato di salute della specie umana, ma anche su quello delle altre specie.

Sappiamo infatti che la fisiologia degli esseri umani non è poi così diversa da quella degli altri mammiferi.

Conclusione

Quindi come stimolare l’auto guarigione e riottenere una prostata sana?libro-metodo-prostagreen-21

Ne parlo approfonditamente nel mio libro:

Come Ritrovare il Benessere della Prostata in 21 Giorni e senza l’uso di farmaci con il Metodo ProstaGreen 21,

dove troverai tutte le indicazioni per riconquistare in breve tempo la salute della tua prostata.

Per il momento è tutto.

Spero farai tesoro di queste informazioni.

A presto,

Giovanni

AGGIUNGI UN COMMENTO